logo logo
logo logo
News

Esordio Vincente a Firenze

Da Firenze con un sorriso enorme. Perché quella contro i Juniors è stata davvero una bella gara: e poi sentita, passionale, vera. Giocata bene anche contro qualche fantasma: il Salerno aveva il tabù della prima partita, e negli ultimi tempi non è che fosse andata benissimo. Poi arriva Firenze, quindi un match in pieno controllo e sempre guidato dall’alto dello score che non mente.

Punto a punto, inning su inning: alla fine, l’ultima scia di valide che porta le mazze gialloblù a quota 17 battute. La soddisfazione aumenta sul finale di gara, nel quale il Salerno allunga sui fiorentini e legittimano una vittoria iniziata propriamente in difesa. Ah, menzione d’onore per il terza base Mordan: 5 su 6 alla battuta, tre doppi e un triplo. Prestazione da incorniciare, ed è dir poco.

“Sono contento della prestazione dei ragazzi – ci ha raccontato il presidente dei Thunders, Pascale Iannetta -, ora ci aspettiamo di fare un altro risultato positivo. Sarà la prima in casa, apriremo le porte a una nuova società, a nuovi avversari”. Sì, perché domenica si riparte subito. E si riparte con l’Arezzo. Magari con il nuovo pitcher, chissà: le trattative per un altro innesto sul monte si stanno intensificando, e in settimana potrebbe arrivare anche l’ufficialità. Per ora, comunque, regna il silenzio. Questione anche di scaramanzia.

E per ora, poi, regna anche la voglia di continuare a sorridere in questo modo e con questi ragazzi. Dal lanciatore Garofalo, fino a Guillermo, Manzo, Cantarella e Fajella, passando per Iannetta e Brailin: la gang degli under salernitani ha colpito, e non ha intenzione di fermarsi. “Il campo sta procedendo bene, stiamo per fare un passo in avanti a livello strutturale”, chiosa Iannetta. Che con il cuore colmo d’orgoglio invita la propria città ad aprire il loro tempo al baseball: “Giocheremo alle 15.30, domenica 15 al centro sportivo Mary Rose: aspettiamo un pubblico numeroso”. E lo aspettano anche i ragazzi, che meritano più tifo che mai. Che quest’anno è un’altra storia, e pure molto bella.

Cristiano Corbo

Ufficio Stampa Thunders Salerno